Polvere di Social – 12 dicembre 2020

0
317

Qualche novità dal mondo dei social della settimana del 7 dicembre.

Nuovi sfondi per WhatsApp

Arrivano nuovi sfondi per WhatsApp, incluso il “dark mode” e la possibilità di personalizzare ogni chat/gruppo con uno sfondo unico:

Interessante notare come l’aggiornamento dell’app arrivi proprio a ridosso delle festività natalizie, come invito ad aumentare la propria presenza e permanenza su WhatsApp. Ogni utente potrà quindi scegliere uno sfondo unico, cambiare sfondo per ogni chat o per le chat più importanti e regolare la luminosità dello sfondo qualora scelga la modalità scura. I nuovi sfondi sono disponibili con l’ultimo update dell’app, in arrivo in questi giorni.

YouTube rimuoverà i video sui presunti brogli elettorali per USA 2020

YouTube, insieme a Facebook, è diventato ormai una delle fonti d’informazioni primarie per buona parte degli statunitensi (e non solo), una piattaforma che gli utenti visitano regolarmente per aggiornarsi da fonti di cui si fidano. Questo pone grandi quesiti ai due giganti digitali, perché il confine fra il diritto alla libera espressione e la diffusione di fake news e disinformazione è sempre più sottile.

Recentemente, YouTube ha attirato violente critiche per aver permesso sulla propria piattaforma la divulgazione di diversi video di One American News Network nei quali si afferma chiaramente che Trump ha vinto le elezioni, amplificando così le teorie cospirazioniste, nonostante i dati e le fonti ufficiali dicano l’esatto contrario.

Critiche e disordini sempre più accesi hanno spinto YouTube a decidere di eliminare qualsivoglia contenuto che neghi l’evidenza dei risultati elettorali a partire dal 9 dicembre.

Contestualmente, arriva l’aggiornamento delle informazioni e dei riferimenti al “fact-checking” per refutare ulteriormente le accuse di errori o brogli elettorali, visibili nel pannello di ricerca dell’app.

TikTok è l’app più scaricata del 2020

Lo studio, pubblicato da App Annie lo scorso 9 dicembre, mostra come la pandemia abbia accelerato l’adozione del mobile di 2 o 3 anni, con acquisti sugli store iOS e GooglePlay pari a 112 miliardi di dollari (+25% rispetto al 2019). Il lockdown ha aumentato esponenzialmente la spesa per il mobile gaming in tutto il mondo: arriveranno a 130 miliardi i download totali di mobile app e giochi.

La classifica preliminare mostra una crescita anomala ma comprensibile di ZOOM Cloud Meetings e Google Meet, con il boom dello smartworking e riunioni e meeting trasferiti dalle sale convegni al mondo digitale. In vetta alla classifica delle app non di giochi spunta il nome di TikTok, destinato ben presto a sfondare il muro del miliardo di utenti unici al mese.

Facebook mette mano al Creator Studio per gli utenti business Instagram

Facebook sta testando una nuova feature all’interno del proprio Creator Studio per permettere ai creatori di contenuti Instagram di avere a portata di mano un calendario editoriale dei post, sia passati che pianificati. La feature è ancora in fase sperimentale e disponibile per un numero selezionato di utenti in versione test. Compare, come si fede dallo screenshot pubblicato su Twitter da Matt Navarra, nel menù di sinistra dell’interfaccia Instagram di Creator Studio.

La nuova feature renderà più semplice tenere sotto controllo la propria strategia su Instagram per un periodo di almeno 6 mesi, accertandosi che la pianificazione sia ottimale in chiave di reach ed engagement. Al momento la pianificazione tramite Creator Studio include solo post e IGTV, ma col tempo si presuppone che permetterà di pianificare anche le storie, che comunque vengono indicate nel calendario con un’iconcina “timer”.

Twitter si allea a Snapchat (e presto a Instagram)

Dal 10 dicembre e per i soli utenti iOS (per ora) è possibile condividere i propri tweet anche come Snap, in forma di sticker. Fino a ieri era necessario fare uno screenshot e condividerlo manualmente. Da ieri invece è sufficiente cliccare sul pulsante di condivisione del tweet (pubblico, naturalmente) e selezionare l’icona di Snapchat dal carousel delle opzioni di sharing. Il tweet può essere condiviso come qualsiasi altro snap: come messaggio diretto a propri contatti o aggiungendolo alla propria storia, ed è sufficiente “sfogliarlo” per andare direttamente a Twitter. Presto un gruppo selezionato di utenti iOS potrà testare la condivisione dei tweet anche sulle stories di Instagram.

Instagram lancia lo shopping via Reels

Il 10 dicembre Instagram ha lanciato lo Shopping via Reels, la sua risposta al grande successo di TikTok. La nuova feature era già stata annunciata ad ottobre, nell’ambito degli aggiornamenti e delle modifiche della piattaforma (che hanno recentemente portato anche ad un cambiamento dell’interfaccia dell’app), e permetterà ad aziende e creators di taggare prodotti quando creano i reels.

Gli utenti potranno quindi cliccare un pulsante “View Products” (Vedi prodotti) e scegliere se acquistare, salvare per tornarci in un secondo momento, o approfondire i dettagli sui prodotti selezionati. La trasformazione di Instagram in una shopping mall virtuale è quasi completa.

Snapchat continua ad investire in realtà aumentata

L’app del fantasmino ha annunciato l’8 dicembre un nuovo fondo per sviluppatori del valore di 3,5 milioni di dollari per alimentare le ricerche e l’innovazione nel mondo della realtà aumentata, soprattutto dal momento che gli occhiali per l’AR sembrano ormai prossimi alla realizzazione (Facebook aveva annunciato l’imminente arrivo degli occhiali “Project Aria” lo scorso settembre).

Il nuovo fondo assicurerà ai creatori AR una via alla monetizzazione, mentre Snapchat sta lavorando sull’opportunità di abbinare creatori e brand per sviluppare esperienze pubblicitarie innovative e pienamente immersive, con la possibilità di unire realtà aumentata ed eCommerce. Una feature già esplorata parzialmente quest’anno, sia con l’introduzione della funzione “try-on”, in collaborazione con Gucci, che permetteva di provare delle scarpe attraverso un filtro AR, sia con la possibilità di scansionare loghi e bar code e dar vita ad un’esperienza di realtà aumentata in-app.

Arriva l’ecommerce su WhatsApp

WhatsApp prosegue nell’esplorazione del proprio potenziale in termini di e-commerce e crea nuovi modi per favorire le interazioni fra aziende e consumatori, rendendo ancora più semplice per gli utenti l’acquisto di determinati prodotti attraverso l’app.

L’ultima nata in quest’ottica è la funzione “Carts”, cioè “Carrello”, che permette di semplificare l’esperienza di vendita e acquisto: funziona come per qualsiasi altro store on-line e consente agli utenti di selezionare i singoli prodotti da catalogo e inviare all’attività un singolo ordine via messaggio. La funzione è stata resa disponibile in tutto il mondo l’8 dicembre scorso “giusto in tempo per le feste natalizie”, come si legge sul blog di WhatsApp.

LinkedIn inizia a testare l’adv nelle stories

Dopo aver lanciato la propria versione delle stories negli USA a settembre e nel resto del mondo già da ottobre, unitamente ad un nuovo layout dell’app finalizzato a migliorare la user experience, LinkedIn (di proprietà della Microsoft) sta testando con oltre 600 inserzionisti in America Latina ed Europa la possibilità di inserire contenuti promozionali all’interno delle storie. Sono già oltre 1.000 le campagne in test, da parte di inserzionisti come WeWork, Daimler, General Motors col marchio Cadillac, e con una miriade di finalità, dalla ricerca di nuovi collaboratori alle business leads, dalle campagne di sensibilizzazione per l’igienizzazione dei locali di lavoro alla promozione di eventi virtuali. Il targeting tramite story tiene conto di parametri quali: job title, nome dell’azienda, settore industriale e interessi professionali e personali.