Premio Bomprezzi. Premiati i vincitori della prima edizione. “Disabilità ignorata da opinione pubblica”

0
302
Il giornalista Franco Bomprezzi - Foto da sito https://www.premiobomprezzi.it/

Nel giorno in cui si è celebrata la giornata internazionale delle persone con disabilità (Venerdì 3 Dicembre) è stato assegnato il primo premio giornalistico Franco Bomprezzi. A vincere la prima edizione del riconoscimento intitolato al giornalista e comunicatore fiorentino scomparso il 18 dicembre 2014, sono stati ex aequo, Laura Badaracchi, Superabile Inail e Nello Del Gatto “Tre soldi” di Radio 3 Rai. Il secondo posto è andato a Veronica Rossi di Altreconomia; terza classificata Cristina Carpinelli di Radio24. Per la categoria progetto giornalistico da realizzarsi con il contributo del premio vincono Ylenia Sina e Angela Nittoli, Fanpage.it.

Raccontare la disabilità – Scopo del riconoscimento e dell’Associazione omonima che lo ha istituito è quello di sensibilizzare la politica e l’informazione sul tema della disabilità, premiando i migliori lavori giornalistici che l’hanno raccontata nel corso dell’ultimo anno. “Sono passati sette anni da quando Franco Bomprezzi ci ha lasciato – ha commentato Simonetta Morelli, Presidente dell’Associazione Premio Bomprezzi -. Oggi celebriamo una persona che esiste ancora profondamente nelle nostre menti e nei nostri cuori e di cui abbiamo raccolto l’eredità che vogliamo far rivivere. Vogliamo con questo Premio metterci alla prova e stimolare l’informazione, la politica e la società civile su una tematica che ha necessità di essere raccontata, di essere rappresentata e di essere sostenuta. Franco è stata la persona che più di ogni altra in Italia ha contribuito a cambiare la comunicazione sulla disabilità”.

La cerimonia di premiazione che si è tenuta alla Cariplo Factory di Milano è stata aperta dal saluto del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ed è stata condotta da Gerardo Bombonato, Massimo Maggio, Direttore di Cbm Italia e Marco Rasconi, membro della Commissione centrale di beneficenza di Fondazione Cariplo. Tra gli altri sono intervenuti Maurizio Pessato, vicepresidente Swg, Lamberto Bertolé, assessore al Welfare e Salute del Comune di Milano oltre al Ministro per le disabilità, Erika Stefani, e Giovanni Parapini, Direttore Rai per il Sociale, in collegamento video.

Rapporto “Cittadini e disabilità” – La cerimonia è stata l’occasione per presentare il primo rapporto “Cittadini e disabilità” a cura di Swg sulla percezione da parte dell’opinione pubblica della realtà della disabilità. Un mondo che riguarda e investe oltre il 15% degli italiani ma che si rivela poco conosciuto dal resto della popolazione.

Lo studio ha evidenziato come le persone con disabilità siano state colpite duramente dalla pandemia e che sia lo Stato che i cittadini non fanno abbastanza per la loro l’inclusione: le famiglie hanno in media un reddito basso e scivolano verso la marginalità a causa di fattori di rischio come il mantenimento della persona con disabilità e l’aggravarsi delle sue condizioni di salute. L’atteggiamento verso la disabilità è improntato alla “sensibilità” e alla solidarietà, ma restano forti gli approcci ostili e distanti. Oltre un terzo dei cittadini italiani ha assistito a episodi di discriminazione. Allo stesso tempo i media ignorano il tema della disabilità per la stragrande maggioranza degli italiani (79%) e in Italia nella società c’è limitata attenzione sulle principali esigenze e diritti delle persone con disabilità.