Premio Ischia 2022 va a Lucio Caracciolo. Riconoscimento alla carriera a Lorenzo Cremonesi

0
183
Il giornalista Lucio Caracciolo vincitore del Premio Ischia 2022 - Foto da streaming

Lucio Caracciolo, fondatore e direttore della rivista Limes, è il vincitore della 43sima edizione del Premio Ischia Internazionale di giornalismo. Ad Anna Zafesova, giornalista de La Stampa, va il riconoscimento per la carta stampata, a Elena Testi, giornalista de La 7, per il giornalismo televisivo, a Lorenzo Cremonesi del Corriere della Sera il Premio alla carriera, mentre la direttrice di Rai Sport, Alessandra De Stefano, vince il premio per il giornalismo sportivo.

Il premio alla carriera è stato assegnato a Lorenzo Cremonesi, che come inviato di guerra per il Corriere della Sera dalla fine degli anni Ottanta ha raccontato in prima persona, con coraggio e professionalità, i momenti più delicati in molti punti caldi del mondo, Iraq e Afghanistan, Libano e Pakistan, ed in queste settimane in Ucraina.

Un riconoscimento, infine, verrà dato dalla Fondazione Premio Ischia per i 30 anni del Tg5, per il mensile di cinema Ciak e per il 130/o anniversario de Il Mattino.

Lo ha deciso la giuria presieduta da Giulio Anselmi e composta da Andrea Abodi, Lucia Annunziata, Luigi Contu, Alessandro Barbano, Enzo D’Errico, Giuseppe De Bellis, Giovanni Grasso, Lucio Fontana, Carlo Gambalonga, Federico Monga, Mario Orfeo, Agnese Pini, Fabio Tamburini e Alessandra Galloni, direttrice di Reuters e vincitrice del Premio Internazionale nel 2021 e che da quest’anno entra nel panel dei giurati del Premio Ischia.

I vincitori saranno premiati nel corso della cerimonia che si terrà il 1 e 2 luglio a Casamicciola Terme nella cornice di Piazzale Anna De Felice. L’evento sarà nuovamente riaperto al pubblico dopo le restrizioni imposte dalla pandemia. A trasmettere l’evento è confermata la presenza di Sky Tg 24 come media partner, con collegamenti live anche nella serata dedicata alle premiazioni. A breve sarà chiuso anche il cartellone degli ospiti musicali che contribuiranno ad arricchire l’evento giunto alla 43esima edizione.

“La possibilità di poter aprire alla partecipazione del pubblico il Premio Ischia è motivo di gioia e soddisfazione – dichiara Elio Valentino, presidente della Fondazione Premio Ischia -, anche perché significa idealmente mettersi alle spalle un periodo davvero drammatico e particolare. I temi e gli argomenti che saranno oggetto di dibattito e approfondimento, tra l’altro, saranno oggetto di riflessione non soltanto per ospiti, premiati e autorità ma anche per coloro che vivranno dal vivo la manifestazione”.

Approfondimenti