Prix Italia 2021, i vincitori della Sezione Web

0
76

Una vita digitale, ma non solo virtuale: puntano sulle possibilità positive di web e social le scelte delle Giurie internazionali per la Sezione Web al 73° Prix Italia, a Milano. Per la Categoria Web Factual si aggiudica il premio “Safespace – Your Team for Intimate Topics” della Ard tedesca, un progetto crossmediale per affrontare anche argomenti complessi: “I giovani – scrivono i giurati – trascorrono più tempo online che mai e ‘Safespace – Your Team for Intimate Topics’ trova nuovi modi inclusivi per interagire con gli spettatori nel loro ambiente nativo di Tik Tok, facendo uno sforzo consapevole e riuscito per rendersi disponibile su altri canali multimediali”. Il tema dell’Intelligenza Artificiale è invece in “Music Curation Battle: AI vs. Human” della Kbs della Corea del Sud, un esempio di dialogo possibile che riceve una Menzione Speciale.
Un grande classico del balletto rivisitato ai tempi del Covid vince per la Web Fiction: “Swan Lake Bath Ballet”, della Bbc è, secondo la giuria: “Un progetto di rara bellezza nella sua semplicità e forma. La giustapposizione di uno spazio familiare e l’interpretazione artistica di uno dei brani più famosi della musica classica crea un’esperienza ultraterrena, che ci dice molto dello spirito del tempo che la pandemia ha portato con sé”. Nella stessa categoria, una Menzione speciale per Rai e “Mental” di Rai Fiction – Stand By Me, una risposta al disagio giovanile al tempo del Covid.
Per la Categoria Web Interactive, vince il progetto spensierato di “Fish Bingo” della danese Dr: “che combina le popolari abitudini della pesca e del bingo durante il lockdown, e soddisfa la crescente fame del pubblico per emozioni reali ed esperienze condivise. Sotto la sua facciata giocosa è un ottimo esempio di come i media digitali possono essere utilizzati al servizio di abilità socio-emotive vitali, come l’empatia, e come possono rimediare agli effetti negativi dell’isolamento prolungato”. Dedicato al mondo degli anziani e ai legami intergenerazionali, infine, è “Santa’s Grandchildren” della Czcr della Repubblica Ceca, alla quale va una Menzione speciale.