Protesta Cdr RaiSport: per Spadafora “passerella” a 90esimo Minuto

0
826
Foto da streaming.

Prima la Coppa Italia su RaiPlay, poi gli studi dello sci tappezzati di pubblicità, ora la “passerella” di 26 minuti del ministro dello Sport Vincenzo Spadafora domenica scorsa nella Tribuna di 90esimo Minuto. Non c’è pace a RaiSport, dove non mancano i motivi di lamentela del Cdr nei confronti della direzione. Questa volta, come detto, nel mirino del sindacato (che proprio oggi ha scritto una missiva di protesta al direttore Auro Bulbarelli) c’è in particolare il vicedirettore con delega al calcio Enrico Varriale, conduttore, insieme a Paola Ferrari, di 90esimo minuto. In trasmissione si è parlato col ministro di riforma dello sport, e il Cdr – vista l’assenza di un contraddittorio (ad esempio un esponente del Coni) fa un esplicito richiamo “ai criteri di imparzialità e di equidistanza che un programma storico come 90esimo Minuto non può e non deve mai ignorare”. Quindi la tiratina d’orecchie a Varriale: “Tra complimenti e continue approvazioni rivolti al ministro, il lungo collegamento si è trasformato in una ‘passerella’ che non riteniamo accettabile. Il fatto poi che uno dei due conduttori sia un membro della direzione rende quanto accaduto ancora più grave e inaccettabile perché espone tutti noi – conclude il Cdr – a critiche di cui non si sente certo il bisogno”.

Approfondimenti