Pubblicità. A Dicembre bene il digitale, male la radio

0
288
Foto di Falkenpost da Pixabay.

Bene la pubblicità sul comparto digitale a Dicembre. I dati appena diffusi dalla società Reply nell’ambito dell’Osservatorio Fcp Assointernet registrano una crescita del + 17,3% nell’ultimo mese dello scorso anno che chiude con sei risultati positivi consecutivi portando ad un + 12,7% la performance del secondo semestre dell’anno, mentre si chiude con un sostanziale pareggio il confronto con l’intero 2019(– 0,8%). Un risultato comunque positivo considerando le difficoltà del 2020, in particolare del trimestre marzo-maggio.

Analizzando i singoli device da cui gli utenti hanno acceduto alla pubblicità si registrano gli ottimi risultati generati dagli smartphone, con un + 5,1% rispetto al 2019; mentre in termini di canali preferiti si è particolarmente distinta la crescita dei fatturati riconducibili alle “App” (+ 12,9%).

L’analisi annuale per settore merceologico evidenzia il positivo andamento di una pluralità di comparti che sottolinea “una sostanziale trasversalità del media digitale rispetto ai diversi settori di appartenenza delle aziende, fattore che ne consolida ulteriormente la sua rilevanza nel media mix delle aziende”.

È andata peggio agli investimenti pubblicitari radiofonici che, nel mese di dicembre 2020 hanno registrato un – 13,7% con un dato complessivo annuo che si è attestato al – 25,0% rispetto al 2019. Anche per la pubblicità radiofonica lo scorso anno è stato condizionato pesantemente dalla pandemia, tanto chel’andamento rilevato dalla società Reply nell’ambito dell’Osservatorio Fcp Assoradio è andato di pari passo con le diverse ondate della pandemia: nel primo bimestre i risultati erano stati superiori a quelli storici per crollare nel periodo marzo-giugno in concomitanza con la fase più acuta della prima diffusione del virus, per poi tornare a numeri in linea con le aspettative nei mesi estivi e poi diminuire nuovamente nell’ultimo quadrimestre.

Nonostante questo il secondo semestre dell’anno ha registrato un fatturato pubblicitario pari al -12%, un dato sicuramente migliorativo rispetto al dato medio annuale ed in significativa ripresa rispetto al primo semestre.

Approfondimenti