Pubblicità Alitalia sui treni, è polemica

0
164

 

hostess alitalia a TerminiChe le vie della pubblicità fossero infinite lo sapevamo, ma che a reclamizzare la tratta Roma-Milano dell’Alitalia fossero i più diretti concorrenti, proprio nessuno poteva immaginarlo. Sui treni Italo e Freccia rossa che seguivano la tratta Roma-Milano, i passeggeri hanno trovato, sulle loro poltrone dei volantini “anonimi”: una cartolina con tanti puntini da unire sotto la frase “quale è il modo più veloce per unire due punti?” con da una parte Roma e dall’altra Milano. La risposta è sempre quella: un volo di 70 minuti a 99euro con Alitalia. E, a condire il tutto, un coupon di sconto del 20%sulla tratta. Una trovata che è stata riproposta anche il giorno successivo ma con modalità leggermente diverse: alla Stazione Termini e Tiburtina decine di Hostess Alitalia, in divisa d’ordinanza, sono comparse distribuendo ironici depliant pubblicitari: un segnalibro sul quale si spiega che se si sceglie di partire con l’aereo forse s’impiega lo stesso tempo del treno ma con in più un massaggio Shiatsu e un giro shopping in aeroporto con tanto di regalo alla moglie!! Una trovata innovativa con cui Alitalia ha voluto informare i passeggeri della rivoluzione tariffaria sulla tratta Roma – Milano con nuove 5 soluzioni di viaggio a prezzi fissi. Una azione sicuramente geniale ma che somiglia molto ad una vera e propria sfida ai concorrenti su rotaia. Che non l’anno presa bene. “Noi non siamo stati avvertiti, non esiste nessun tipo di contratto. È stata una vicenda che ha seguito delle regole non corrette e come tale deve essere trattata”. Così, a margine della presentazione della nuova Sala Blu della Stazione Termini, il direttore comunicazioni esterne del gruppo Fs italiane, Daniela Carosio, commenta i volantini pubblicitari Alitalia sui treni Roma-Milano Italo e Freccia Rossa. Nei volantini veniva pubblicizzato il volo Alitalia Roma-Milano con tanto di cifre esplicative “70 minuti, 99 euro”. “Intanto – ha spiegato Carosio – la cosa importante è che qualunque comunicazione che viene fatta sui treni segue delle regole. Noi abbiamo affidato per gara ad una concessionaria la possibilità di dare a clienti esterni l’opportunità di comunicare sui nostri treni. Questo viene fatto attraverso delle regole che sono economiche, di controllo del messaggio che viene mandato e così via, come fanno tutte le grandi aziende, la stessa Alitalia e gli aeroporti di Roma”.