Rai 3 scommette su Luca Barbareschi. Lunedì debutta “In barba a tutto”

0
146

Nuovo format in arrivo nel lunedì sera di Rai 3. Il 19 aprile alle 23.15 parte infatti In barba a tutto, talk show condotto dal celebre attore e regista Luca Barbareschi. Il focus di ognuna delle otto puntate ruoterà attorno a tre specifici temi, sui quali il conduttore costruirà una conversazione brillante e curiosa insieme ad altrettanti ospiti. La cifra delle interviste realizzate sarà orientata prevalentemente verso l’umorismo ma, soprattutto, verso lo scardinamento del “politicamente corretto” che imperversa in maniera decisa nel discorso pubblico della televisione (e della società) italiana. Una delle componenti che entrerà certamente in gioco, sarà quindi una sana dose di provocazione, nello stile schietto e spiazzante che contraddistingue Barbareschi.

Lo studio nel quale si svolgerà la diretta sarà costruito come un ambiente vivace ed accogliente, con un bancone, un tavolo da biliardo, due poltrone ed il profilo di una città sullo sfondo, come ci si trovasse all’interno di un loft newyorkese. Ad alternarsi sul palco saranno ospiti molto conosciuti ed altri meno noti al grande pubblico. Ai momenti dedicati alla conversazione si andranno ad aggiungere monologhi, contributi video e, ancor di più, spazi musicali, il tutto arricchito dalla presenza di una band, che accompagnerà le esibizioni, coinvolgerà gli ospiti e scandirà le diverse fasi della trasmissione.

Nel presentare il format, Barbareschi parla senza mezzi termini del rifiuto della dottrina del politicamente corretto, auspicando che  In barba a tutti possa rappresentare un’occasione per disinnescare certi meccanismi che paiono ormai consolidati. “Credo che oltre al Covid, l’altro virus, per il quale adesso non c’è vaccinazione, sia quello della stupidità. Mi auguro che con i miei autori ed i miei graditi ospiti si possa fare una sorta di vaccinazione in diretta ogni lunedì, dove con ironia proveremo a riaccendere un po’ di voglia di sorridere, che credo sia importante”. Per conferire originalità e brillantezza alle interviste che andranno in scena, due elementi ritenuti fondamentali dal conduttore saranno la provocazione ed il contrasto tra gli interlocutori. “Il contrasto con l’altro è un’opportunità di crescita” dice Barbareschi, “bisogna provocare un po’ l’ospite. Io cercherò di farlo con intelligenza e con rispetto […] È nella divergenza costante di opinioni che si costruisce qualcosa, è quello che credo semanticamente e drammaturgicamente sia interessante per lo spettatore”.

Per quanto riguarda la prima puntata, i tre macrotemi al centro della discussione saranno “Scienza e romanticismo”, “Essere contro” e “Il mondo della lirica è maschilista?”. Gli  ospiti saranno il giovane astrofisico Luca Perri, Morgan e Katia Ricciarelli. Con il primo, sarà messa in discussione la visione romantica che attiene al mondo delle stelle, con il secondo si parlerà in maniera provocatoria del binomio genio/follia, della censura musicale e molto altro, mentre con la terza si cercherà di ragionare sui cliché e le tradizioni del mondo della lirica e capire se esso sia, come molti credono, realmente maschilista.