Rai contro rapper – La rassegna del 4 maggio

0
349

Rai, niente riforma prima il cambio dei vertici (Repubblica prima e p.2-3, Corriere p.12, Messaggero p.10). Caos Rai, Fedez al bando “Vogliamo le sue scuse” Draghi: l’ad lo scelgo io. Il governo rinuncia a nuove regole pur di mandare via a giugno Salini e Foa. Domani in Vigilanza processo ai dirigenti dopo le accuse di Fedez di “censura preventiva”. La Rai accusa Fedez “Video manipolato” C’è anche un caso Renzi. Primo maggio, il direttore di Rai3 Di Mare: “Tagliata la parte in cui la mia vice esclude censure”. Domani la Vigilanza. Iv contro Report per un filmato sull’ex premier. Sul profilo Instagram del cantante sono 15 milioni le visualizzazioni della sua denuncia. Sul profilo Instagram di Fedez il video col suo discorso dal palco del primo maggio è stato già visto più di 15 milioni di volte. Sono numeri che la Rai fa per le partite dell’Italia al mondiale. A tre giorni dal Concertone viale Mazzini deve fare i conti con un danno d’immagine innegabile. L’azienda prova a rimpallare le accuse di censura. “Le dichiarazioni di Fedez sono gravi e infamanti, parimenti a quanto sono infondate» risponde, con un post su Facebook, il direttore di Rai3, Franco Di Mare, che domani sarà sentito in Commissione Vigilanza Rai. Di Mare invita ad «ascoltare attentamente” la registrazione integrale della telefonata tra Fedez e la vicedirettrice di Rai3, Ilaria Capitani: nella versione di Fedez “ci sono gravi omissioni” che “alterano oggettivamente il senso di quanto detto” da Capitani, che “nel colloquio esclude fermamente, ben due volte, ogni intenzione censoria”. “Ma di questo – scrive Di Mare – non c’è traccia alcuna” nella versione del rapper. Tutto questo mentre scoppia il caso Report-Renzi. La trasmissione ieri sera ha mandato in onda un servizio in cui si documenta di un incontro all’autogrill tra Renzi e Marco Mancini, alto funzionario dei servizi segreti, avvenuto presso l’autogrill di Fiano, sulla A1, lo scorso 23 dicembre.