Rai e Primo Maggio. Il legame si rinforza ancora di più

0
101
Parco_della_Musica_di_Roma. Foto da Wikipedia

È una programmazione imponente quella che la Rai ha previsto per celebrare la festa dei lavoratori e per porre, quindi, all’attenzione del suo pubblico i temi e le problematiche legate al mondo del lavoro, specie in un periodo delicato come questo. Il primo maggio di quest’anno avrà certamente un sapore diverso dal solito, il sapore della voglia di ritorno alla normalità, soprattutto per chi è stato costretto a mettere in stand-by la propria attività lavorativa. E proprio per questo la Rai ha voluto sottolineare, attraverso un comunicato ed uno spot istituzionale, il grande impegno di cui si farà carico in questi giorni, anche per dare voce alle storie ed ai problemi che ormai da più di un anno affliggono gli italiani.

Una programmazione che avrà come punte di diamante la “Celebrazione della Festa del Lavoro”, in diretta su Rai1 dal Quirinale alle 10.55 di sabato 1 maggio e, più tardi, dalle 16.30 fino a mezzanotte, il tradizionale concertone, che sarà invece trasmesso su Rai3 (e Radio2) in diretta dalla Cavea dell’Auditorium Parco della Musica di Roma. Tuttavia, gli spazi televisivi collegati alla festa dei lavoratori si apriranno già nei giorni precedenti. Per quanto riguarda Rai1 infatti, già nella puntata di questa sera di Porta a Porta (23.40) si affronteranno i temi legati al mercato del lavoro, con particolare attenzione ai giovani e all’ambiente, insieme al Ministro della transizione ecologica Roberto Cingolani. Domani poi, alla ricorrenza saranno dedicate finestre all’interno Uno Mattina, Storie Italiane, Oggi è un altro giorno e La Vita in diretta.

Su Rai2 invece, l’avvicinamento alla festa inizierà ad Anni 20 (21.20) con interviste, servizi e l’intervento di Susanna Camusso, responsabile per le pari opportunità della CGIL. Domani, finestra dedicata anche all’interno de I Fatti Vostri, in onda dalle 11.10. Quanto a Rai3, l’appuntamento è domani mattina ad Agorà (8.00), dove Luisella Costamagna ed i suoi ospiti discuteranno della situazione del lavoro in Italia, ragionando sulle prospettive offerte dagli investimenti del Piano Nazionale Ripresa e Resilienza. Su Rai Storia invece, lungo tutta la settimana corrente è già in onda tutti i giorni alle 19.30 il ciclo di indagine storica Un secolo di lotte contadine in Italia di Giorgio Bocca, attraverso i quale viene raccontata la storia della civiltà contadina dall’Unità d’Italia fino all’esodo dalle campagne alle città nel dopoguerra.

Tutto ciò farà da antipasto alla giornata del primo maggio vera e propria, che su Rai1 si aprirà con le finestre dedicate alla celebrazione all’interno di Mattina in Famiglia, la quale assumerà di fatto il ruolo di apripista del già citato evento del Quirinale, alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Sempre sulla rete ammiraglia, nel pomeriggio ci saranno spazi appositi nel corso di A Sua Immagine (15.45) ed ItaliaSì! (16.45), mentre su Rai2 ad occuparsi della Festa del Lavoro sarà, alle 16, Il Provinciale. Su Rai Storia alle 20.30 andrà invece in onda una puntata speciale di Passato e presente, nella quale Paolo Mieli discuterà con la professoressa Simonetta Soldani riguardo i diritti delle donne nel mondo del lavoro.

 

 

Approfondimenti