Rai, Fuortes nomina i direttori corporate. Stavolta in perfetta parità di genere

0
1051
L'ad Rai, Carlo Fuortes, e il presidente Rai, Marinella Soldi. Foto da ufficio stampa Rai.

A viale Mazzini è il giorno della seconda informata di nomine della gestione Fuortes. Stavolta, memore delle polemiche sul “maschilismo” di quelle di un mese fa (leggi qui la cronaca di AdgInforma.it), sono all’insegna della perfetta parità di genere. Delle otto nomine dell’area Corporate presentate dall’Amministratore delegato al CdA Rai di questa mattina (7 ottobre 2021) quattro sono donne e quattro uomini. Le otto posizioni sono state affidate tutte a risorse interne alla Rai e in molti casi si tratta di spostamenti o di nuovi incarichi, più o meno in continuità.

Nello specifico, Paola Sciommeri da Direttore teche ha assunto il ruolo di Direttore produzione Tv. Una nomina significativa perché per la prima volta una donna assume la guida di questa area, quella della produzione, che conta un organico di circa 3650 persone divise in quattro centri di produzione e realizza – oltre che i TG e la totalità dei programmi informativi – quasi tutti i programmi di intrattenimento delle reti generaliste e la produzione dei grandi eventi, a cominciare da quelli sportivi.

Significativa in questo senso anche la nomina di Valeria Zibellini a responsabile del Centro produzione Tv di Roma. Altra nomina al femminile è quella di Antonella Pisanelli che, dopo aver svolto in passato numerosi incarichi nell’ambito delle Pubbliche relazioni all’interno della Direzione comunicazione, assumerà il ruolo di Responsabile della Struttura media partnership, patrocini, Relazioni esterne e cerimoniale. Chiara Longo Bifano, infine, caporedattore in distacco presso Raicom dopo aver operato a suo tempo presso la Direzione staff della presidenza della Rai, viene nominata Responsabile del Prix Italia dopo aver partecipato al relativo Job Posting.

Tra gli uomini Andrea Sassano subentra alla Direzione teche dopo aver a lungo guidato la Direzione risorse televisive, affidata oggi dall’amministratore delegato ad Alberto Longatti, fin qui Responsabile del Centro di produzione Tv di Roma. Roberto Cecatto, dopo aver seguito tra l’altro il recente progetto di riassetto degli assetti produttivi e degli uffici di Milano, assume invece la responsabilità della Direzione infrastrutture immobiliari e sedi locali. Luca Mazzà, infine, ex direttore di Gr1 e Tg3 e attuale responsabile del canale istituzionale nell’ambito di Rai Parlamento, è stato nominato Direttore delle relazioni istituzionali.

Il prossimo passo, quello più delicato saranno le nomine dell’area artistica, ovvero quelle che riguardano le direzioni di rete e dei Telegiornali. Per quelle, come anticipato da AdgInforma.it bisognerà attendere probabilmente il Cda del 27 ottobre. Solo allora si saprà se Fuortes avrà optato rinnovare il mandato per altri tre anni ai direttori di testata in scadenza tra fine ottobre ed inizio Novembre ovvero Giuseppe Carboni (Tg1), Gennaro Sangiuliano (Tg2) e Alessandro Casarin (Tgr) e quello di Auro Bulbarelli a Raisport in scadenza a Dicembre. In alternativa il nuovo Ad potrebbe scegliere di prorogarli a tempo in attesa di nuovi sviluppi oppure sostituirli con nuovi direttori. Il toto nomine è già partito.

Approfondimenti