Rai: Matassino nuovo dg, Orfeo presidente di RaiWay

0
1014
NELLA FOTO AGI PER UFFICIO STAMPA RAI MARIO ORFEO

Alberto Matassino è stato nominato a maggioranza dal cda Rai (Rita Borioni e Riccardo Laganà si sono astenuti) nuovo direttore generale della Rai. Lo ha scelto l’ad, Fabrizio Salini, come figura apicale della corporate prevista dal nuovo assetto della governance ridisegnata a cascata del nuovo piano industriale 2019-21. Con un passato alla Fox e alla Fandango, Matassino è colui al quale Salini si affida per le strategie economiche e finanziarie dell’azienda. Ha un contratto a termine che scade con il mandato dell’ad e percepisce poco meno di 200 mila euro lordi ogni anno. Attualmente componeva lo staff di Salini insieme a Marcello Giannotti, Lorenzo Ottolenghi e Francesca De Rosa e sarà il vero “uomo macchina” di Salini prendendo in carico una parte dei circa quaranta primi riporti dell’ad. A lui non sono state affidate, però, le deleghe editoriali.

L’ex direttore generale della Rai Mario Orfeo – rimasto senza incarico da quest’estate con l’insediamento del nuovo cda – è stato nominato invece (con sei sì e l’astensione di Laganà) nuovo presidente di RaiWay. Entrerà in carica dal 18 aprile 2019, data della prossima assemblea della società delle torri. Come anticipato da loSpecialista.tv il 25 gennaio scorso, Orfeo prende dunque il posto di Raffaele Agrusti che ha appena rassegnato le dimissioni, per motivi personali. Agrusti, presidente del cda di Rai Way dall’aprile 2016, aveva già lasciato l’azienda ad aprile 2017 ed è attualmente direttore generale di Itas Mutua. Una poltrona – al vertice della consociata RaiWay – che il regolamento chiede sia riservata (preferibilmente, e senza compenso aggiuntivo) a dirigenti interni all’azienda. Eppure non è detto che per convincere il giornalista Orfeo ad occuparsi di torri non si metta mano allo stipendio. Anche perché a RaiWay il tetto non c’è… Resta il fatto che Orfeo avrà bisogno che qualcuno gli spieghi la materia, soprattutto guardando a quanto previsto dal contratto di servizio in tema di frequenze, ai movimenti di mercato e alla possibilità di nascita di un polo unico delle torri.

Sempre il cda Rai di stamane ha approvato il nuovo piano risorse umane come previsto dall’articolo 24 del contratto di servizio: “Gestione e sviluppo delle risorse umane”. Roberto Nepote è stato nominato a capo della direzione Marketing, Marcello Ciannamea guiderà invece il coordinamento editoriale palinsesti tv, mentre Roberto Ferrara sarà capo staff dell’amministratore delegato. Al tavolo della Sala Orsello si è parlato della valorizzare, del merito e della capacità professionale di tutto il personale dell’azienda e della stabilizzazione del personale con contratti a tempo determinato o di collaborazione continuativa. Il tutto in nome della trasparenza, si spera… E chissà che a breve non si trovi pure una soluzione per lo stallo in atto in merito all’assunzione di nuovi giornalisti.