Rai: sul tavolo del “marziano” un bilancio 2021 in rosso per 46 mln

0
1844
Matteo Maggiore, foto da sito eib.org

Un “marziano”, o se preferite uno “straniero”, o meglio “italo-straniero”. Il nuovo amministratore delegato della Rai scelto dal premier Mario Draghi – secondo le cronache di Mario Ajello su Il Messaggero – sarà scelto nel segno della “discontinuità assoluta”. “Inattaccabile e incondizionabile, preso sul mercato internazionale”. “Il nome più gettonato al momento è quello di Matteo Maggiore, ha il timbro Bei, la Banca europea degli investimenti di cui è direttore della comunicazione, è stato direttore all’Ocse a Parigi e prima responsabile degli affari internazionali della Bbc”. Insomma, Draghi ci stupirà con effetti speciali nell’assemblea degli azionisti in agenda per il 12 luglio. Nel frattempo AdgInforma.it è in grado di anticipare cosa c’è scritto in una delle cartelline che attende il “marziano” al settimo piano. Sopra c’è un post-it che riporta la dicitura bilancio 2021. Il cda ne ha discusso nell’ultima assise del 30 giugno scorso. E le notizie sono buone. I conti migliorano grazie alla raccolta pubblicitaria. E si passa da una perdita di 57 milioni a una stimata di 46. Le casse di Viale Mazzini hanno beneficiato dei “ristori” di Tesoro e Sviluppo economico. Poi ci sono risparmi sui costi operativi per 70 milioni. E alla fine c’è una pandemia che – tra varianti e vaccini – dovrebbe mollare almeno un po’ la presa su canoni speciali e spot. E una buona notizia (non per chi paga il canone) arriva anche guardando al 2022. La Rai non ha comprato la Coppa Italia. Una spesa che in Viale Mazzini avevano stimato in 34 milioni. Questi soldi, anzi qualcosina in più, alla Lega calcio il prossimo anno li darà Mediaset…

Approfondimenti