Rai: Usigrai-Pluralismo e Libertà su polemiche “Anni 20”: Ironia non è reato

0
307
La giornalista Francesca Parisella. Foto da streaming

“L’Europa va difesa perché ha svolto e svolge un ruolo cruciale ed è indubbio che nessuno intende metterne in discussione la centralità per un futuro migliore di tutti i suoi cittadini. Ma l’Europa va difesa anche dagli errori che commette o ha commesso. Cosi come ha riconosciuto la Von der Leyen a proposito dell’impatto della pandemia sull’Italia. E allora non è sbagliato quando si sottolinea l’errore fatto con scelte discutibili come quelle sull’uso alimentare dei vermi o del vino annacquato”. È quanto sottolinea in una nota la componente Pluralismo e Libertà all’interno dell’esecutivo Usigrai. “E ci sono molti modi per farlo, tra questi quello dell’ironia . La trasmissione anni 20 lo ha fatto. Non crediamo che si tratti di un reato. È doveroso ricordare che pungolare, dissacrare, ironizzare sono spazi di libertà fondamentali per la professione giornalistica. E in ogni caso il diritto di satira non può certo essere oggetto di sanzioni. Grave che la maggioranza del sindacato unico dei giornalisti Rai, UsigRai, che solo l’altro ieri manifestava in piazza per la libertà della Rai dai partiti, non sia prontamente scesa in campo a difesa della libertà di critica. Il sindacato dei giornalisti, oltre che teorizzare la libertà d’informazione, dovrebbe prima di tutto difenderla e praticarla”.

Approfondimenti