Rai2: “Popolo sovrano” (forse) chiude e “Povera Patria” trasloca

0
703

Carlo Freccero non lo aveva certo nascosto. Il programma d’informazione “Popolo sovrano”, in onda il giovedì sera su Rai2 in prime time, era il suo “calvario terribile”, il suo “problema principale”. A dargli il tormento, naturalmente, era l’Auditel. Tanto da fargli sentenziare: “Se non crescerà almeno di uno 0,2% di share vuol dire che il pubblico lo rifiuta e che quindi bisogna cambiarlo. Mi assumo ogni responsabilità, se non funziona è anche colpa mia”. Ebbene, sono passate sei settimane, e il programma di Alessandro Sortino non cresce (ultima puntata 2,41% di share) e ha stampato una media audience di 583 mila spettatori e una media share del 2,9%. E non a caso da giovedì 4 aprile è misteriosamente scomparso dal palinsesto di Rai2 sostituito da una commedia: “Amore e malavita”. Insomma Freccero come lui stesso ha ammesso doveva essere “furbo e lasciare ‘Nemo’. Sono su una graticola, ma nella vita bisogna avere il coraggio di tentare e sbagliare. Ci vuole impegno, tensione e lavoro”. Voleva fare un tentativo per scardinare la concorrenza di La7 e Rete4. Sperava che il “cattolico” Sortino potesse essere l’erede di Michele Santoro per riportare la grande informazione nel prime time del giovedì. Ma dopo Antonio Socci con “Excalibur”, Giovanni Masotti e Daniela Vergara con “Punto e a capo”, Anna La Rosa con “Alice nel paese delle meraviglie” e Nicola Porro con il suo “Virus”, il vulcanico Freccero ha fatto flop. Alla fine “Popolo sovrano”, Auditel pure… Dalla Rete spiegano a LoSpecialista.tv che nulla di ufficiale è stato deciso sul programma di Sortino, una valutazione è in corso e il format potrebbe anche continuare. E non è detto che in vista delle elezioni europee l’istrionico Freccero non tiri fuori dal cilindro qualche alta modifica o addirittura un nuovo coniglio. O magari uno usato: i discorsi con Santoro continuano…

La conduttrice di “Povera Patria” Annalisa Bruchi.

Le cose non vanno meglio per l’altra creatura dell’informazione di Rai2, “Povera Patria”, in onda il venerdì in seconda serata. “Lo volevo il mercoledì. Il venerdì è sbagliato. Vespa – si è sfogato Freccero in Vigilanza Rai – ancora comanda e decide di non avere contro-programmazione. È un errore televisivo. Ma Vespa comanda e il coordinamento vince. Ho dovuto inchinarmi come per altre scelte che ho dovuto subire. Questa è la verità, so già che la pagherò…” E non a caso dal 1 aprile il programma condotto da Annalisa Bruchi trasloca. Non al mercoledì di Vespa, però, che resta intoccabile. Meglio infastidire il lunedì di Fabio Fazio…