Reggereste 3 minuti di video su TikTok?

0
505
Cambiamenti in arrivo per TikTok. Image from Canva

L’app più scaricata dell’anno potrebbe ben presto cambiare formato e permettere video lunghi fino a 3 minuti. A confermare test in merito il tweet di Matt Navarra, direttore di TheNextWeb, già consulente di comunicazione digitale del Governo britannico, che si è trovato fra gli utenti cui è stato dato “accesso preferenziale” alla nuova opzione:

Il cambiamento triplicherebbe quindi la durata massima dei video consentiti sulla piattaforma, modificando di conseguenza anche il modo in cui gli utenti e i brand si approcciano alla creazione di contenuti per il social-prodigio.

Ottocento milioni di utenti attivi al mese, raddoppiati in meno di un anno; considerato la piattaforma su cui concentrare i propri investimenti in influencer marketing, per quei 52 minuti al giorno che ogni utente vi trascorre in media; nato per la generazione Z (che rappresenta il 41% degli utenti), è stato ben presto preso d’assalto da uomini e donne d’ogni età, celebrities, brand come Coca-Cola, Nike, Google: sono solo alcuni dei numeri impressionanti che sono valsi a TikTok l’appellativo di social network dell’anno 2020. Il suo successo ha sicuramente giocato un ruolo rilevante nell’introduzione dei Reels su Instagram, su cui l’azienda ha investito tanto da apportare una sostanziale modifica all’app.

Eppure di primo acchito l’app sembra incomprensibile: rapidissima e caotica, combina elementi di Spotify, Snapchat, Vine e Twitch in un’unica interfaccia. Ed è ancor più incomprensibile se si decide d’approcciarla in modalità silenziosa. La musica infatti gioca un ruolo essenziale nell’alternarsi di clip video da 15 secondi (o più sequenze da 15 secondi, dato che la piattaforma ne consente fino a 4), alcune decisamente geniali al punto da diventare virali cross-piattaforma.

Sarà curioso vedere se l’opzione, che TikTok non ha ancora ufficialmente confermato, sarà estesa a tutti gli utenti, se sarà abbandonata in toto o se sarà limitata a profili con un numero minimo di followers (un po’ come fa Instagram con l’attivazione dei link nelle stories). In ogni caso, il grande successo di TikTok e la sua genialità sta proprio nel limite temporale dei video, che tutto sommato conferma la tendenza alla diminuzione generale della soglia d’attenzione degli utenti social. Un po’ come accadde per Twitter quando annunciò di voler raddoppiare il numero di caratteri consentito per ogni tweet, eppure a distanza di anni il tasso di utilizzo non è cambiato e i caratteri extra non sembrano aver avuto impatti negativi sulla piattaforma.