Salvatore Esposito è il protagonista di “Rosanero”. Dal 9 settembre su Sky Cinema

0
255

Il 9 settembre arriva in esclusiva su Sky Cinema Rosanero, commedia Sky Original diretta da Andrea Porporati e tratta dall’omonimo romanzo di Maria Tronca. Il film, già proiettato in anteprima al Giffoni Film Festival, vede come protagonisti Salvatore Esposito e la giovanissima Fabiana Martucci, al suo debutto sul grande schermo. Nel cast anche Antonio Milo, Salvatore Striano, Aniello Arena e Sebastiano Somma.

Totò (Salvatore Esposito), quarantenne napoletano, è un boss emergente della criminalità organizzata locale. Rosetta (Fabiana Martucci), è una bambina di 10 anni che frequenta la quinta elementare, vittima delle prese in giro di un gruppo di ragazzini della sua età. Una mattina Totò viene colpito al petto da un proiettile. In quello stesso istante Rosetta cade da un’altalena e batte la testa. La bambina e il boss vengono operati, ma quando si riprendono dal coma entrambi sono cambiati. Totò si risveglia nel corpo di Rosetta, Rosetta in quello di Totò. Una bambina gentile e amante della danza si ritrova così costretta a vivere nel corpo di un rude criminale, mentre l’uomo è a sua volta intrappolato nel corpo della piccola. Da qui nasceranno una serie di equivoci e situazioni comiche.

Una commedia dai toni leggeri e fiabeschi che non disdegna tuttavia alcuni elementi “dark”, attraverso un imprevedibile ed inaspettato scambio d’identità che dà vita ad un continuo ribaltamento tra il bene e il male, per arrivare ad un sorprendente finale. “Confrontarsi con un criminale che diventa una bambina di 10 anni era un rischio, ma non mi ha mai spaventato perché cerco sempre, attraverso i personaggi e le storie, di lasciare qualcosa in chi guarda” ha raccontato Salvatore Esposito in una recente intervista a Vanity Fair. “Nella vita il mio lato femminile credo che si manifesti nella sensibilità, oltre che nel mio essere maniacale. Le donne sono profonde, concrete, organizzate: abbiamo tutto da imparare da loro”.

Divenuto popolarissimo in Italia e all’estero grazie all’interpretazione del boss Genny Savastano in Gomorra, l’attore napoletano sta riuscendo a mostrare le sue qualità anche in ruoli decisamente diversi, muovendosi con disinvoltura da pellicole drammatiche a commedie leggere, senza tralasciare peraltro la passione per la scrittura e la sceneggiatura. “A 10 anni ho recitato nel mio primo musical, a 24 ho lasciato il McDonald’s dove lavoravo da 6 anni per studiare recitazione a Roma” racconta Esposito. “Pensavo in grande, ma quello che ho ricevuto in questi dieci anni di carriera è molto di più di quello che avessi mai immaginato”.