Se Giletti chiama, il Tg2 risponde

0
164

Prima il telegiornale, dalle 20.30 alle 21 e poi uno speciale fino alle 21.50. Se il Tg1 sembra non essersi accorto della bagarre tra Mattarella-Di Maio e Salvini, lo stesso non si può dire per il Tg2 che domenica sera ha fatto servizio pubblico. A sottolinearlo una nota del cdr del notiziario diretto da Ida Colucci che precisa anche il risultato d’ascolti in confronto alla concorrenza di Enrico Mentana e Massimo Giletti: Tg2 (dalle 20:32 alle 21:50) 10,70% con 2.414.000 spettatori; La7/Mentana (dalle 18:15 alle 20:51) 8,50% con 1.382.000 spettatori; La7/Giletti (dalle 20:51 alle 00:57) 13,51% con 2.485.000 spettatori. Serata nella quale Rai1, con “Che tempo che fa”, ha totalizzato il 14,31%”.

“Una migliore copertura – continua il cdr del Tg2 – si sarebbe potuta offrire se il Tg2 fosse ancora titolare di quell’edizione notturna cancellata nel 2016 e della quale il cdr chiede il ripristino o la sostituzione con uno spazio serale di approfondimento. Trattativa, questa, già avviata lo scorso anno e, ad oggi, rimasta senza esito. L’edizione notturna avrebbe consentito di coprire ‘naturalmente’ anche eventi al centro del dibattito, come la telefonata in diretta di Luigi Di Maio a Fabio Fazio, avvenuta intorno alle 22. In una serata difficile e delicata, nonostante i tagli operati dall’Azienda negli ultimi anni, il Tg2 c’era e ha svolto il suo ruolo di servizio pubblico”. Se il “gladiatore” Giletti scende nell’“Arena” mediatica, dunque, il Tg2 risponde. Ma alla fine se la prendono tutti col settimo piano…