Se il marchese del Grillo tira “pigne” Rai in testa ai giornalisti

0
160

Lo ricordate il Marchese del Grillo? Si svegliava, con calma, e poi dalla terrazza del suo palazzo tirava le pigne agli “straccioni”. Non pago, per “risarcirli”, chiedeva al fido “Ricciò” di arroventare un vassoio di monete, e con i paoli infuocati concludeva il tiro al bersaglio…. Ecco, da oggi anche i giornalisti hanno il loro Marchese del Grillo. Beppe, intendo. Si affaccia dalla finestra dell’Hotel Forum, con vista sui Fori imperiali, e dal megafono fa un annuncio ai giornalisti (gli “straccioni”) che da ore pietiscono un po’ di “frutta fresca” sulla Rai. D’altronde tra pochi giorni sarà tempo di nomine e a decidere sarà l’asse Movimento5Stelle-Lega. “Rai Tre, Rai Due e Rai Uno: due saranno messe sul mercato e una senza pubblicità. Questo dice ‘l’Elevato’ e accontentatevi di questo”. Frutta fresca utile per i titoloni dei giornali. Ma il problema è che la frutta non era neanche fresca. “Era una vecchia proposta del Movimento 5 Stelle nel programma del 2009”, ha prontamente smentito Luigi Di Maio. Pigne in testa e paoli infuocati…

Approfondimenti