Serie A. Dazn affida la pubblicità a Publitalia. E Tim svela le tariffe

0
814
Foto da https://www.pexels.com/

Si vanno sciogliendo gli ultimi nodi legati ai diritti del calcio in tv nei prossimi tre anni. Mancava ancora la decisione da parte di Dazn sulla raccolta pubblicitaria della Serie A. Anche se ancora non c’è l’ufficialità i vertici del gruppo televisivo con sede a Londra avrebbero deciso di affidarla a Publitalia, concessionaria di Mediaset, guidata dal ceo Stefano Sala e che fa capo alla holding Fininvest della famiglia Berlusconi. Lo riporta l’Agenzia Reuters che cita “tre fonti vicine alla situazione” precisando che l’accordo è ancora in fase di finalizzazione. Una delle fonti, scrive Reuters, spiega che l’accordo riguarderà la gestione del business pubblicitario della Serie A, di cui Dazn si è aggiudicata i diritti per le prossime tre stagioni, e potrebbe essere annunciato già entro questa settimana.

La cifra minima garantita da Pubblitalia per la gestione della pubblicità sarebbe di circa 90 milioni di euro l’anno. L’offerta sarebbe stata approvata sia dall’hub londinese di Dazn che da Veronica Diquattro, capo del gruppo italiano.

Secondo la stessa fonte di Reuters, Dazn gestirebbe in proprio (attraverso la sua concessionaria interna Dazn Media) il business pubblicitario riguardante il resto dei contenuti distribuiti dalla app in Italia.

Ci vorrà ancora qualche giorno, invece, per la distribuzione della massima competizione di calcio in Italia nei locali pubblici come bar, hotel e ristoranti. Qui la partita sembrano giocarsela Tim, che il Sole 24Ore dà in leggero vantaggio, e Sky.

La coppa Italia – Tra i punti interrogativi c’è anche la Coppa Italia che deve ancora assegnare i suoi diritti per il prossimo triennio. La gara si chiuderà giovedì 1 luglio. In questo caso la Lega calcio ha pensato a due pacchetti (come abbiamo scritto qui su AdgInforma.it) per un’offerta minima di 42 milioni di euro. E quest’anno sarà possibile acquistare i diritti anche per la trasmissione a pagamento e non solo in chiaro. La gara si allarga, così, anche a Sky, Mediaset e la stessa Dazn che, dopo l’intera Serie A e la Serie B, potrebbe fare filotto e prendersi anche Coppa Italia e Supercoppa.

L’offerta di Tim per la Serie A – Intanto, tornando alla Serie A, anche Tim ha reso noti i prezzi dell’abbonamento per chi vorrà vedere il campionato italiano sul suo decoder. Forte dell’accordo di distribuzione in esclusiva con Dazn, chi vorrà vedere le partite attraverso TimVision dovrà aderire all’offerta “Calcio Tim” che avrà un prezzo di lancio identico a quello di Dazn, 29,99 euro al mese. Possibile che venga attivata, così come per Danz, un’offerta lancio a 19,99 euro. Chi sceglierà TimVision potrà accedere, allo stesso prezzo, anche i suoi contenuti esclusivi e il digitale terrestre. Inoltre, con 5 euro in più si avrà accesso alle app di Netflix o Disney+ e con altri 10 al pacchetto completo (TimVision + Dazn + Netflix + Disney+). In pratica Tim si propone come la vera alternativa a Sky, offrendo la Serie A ma anche una buona dose di intrattenimento.

Approfondimenti