Sky, il delitto di Avetrana ripercorso in una docuserie

0
103
Un frame tratto da Sarah la docuserie in onda su Sky - Foto da Ufficio stampa sky

Sono passati ormai più di 11 anni da quando, nell’agosto del 2010, la scomparsa ed il successivo ritrovamento del cadavere della quindicenne di Avetrana (Salento) Sarah Scazzi sconvolse tutta l’Italia. Il caso assunse fin da subito una portata mediatica immensa, con trasmissioni quotidiane dedicate e dirette fiume dal piccolo centro pugliese. Ipotesi, indizi, accuse, rivelazioni, tutto contribuì a creare un “reality show” dell’orrore, una sorta di grottesco spettacolo televisivo giocato sulla brutale uccisione di un’adolescente e sul dolore della sua famiglia. Ora, a più di un decennio di distanza, la docu-serie Sky Original Sarah. La ragazza di Avetrana, in onda in prima visione il 23 novembre alle 21.15 su Sky Documentaries, ricostruisce a 360 gradi la vicenda, non solo dal punto di vista criminologico e giudiziario, ma anche mediatico, collegandosi all’esasperata spettacolarizzazione che venne operata da parte del mondo dell’informazione. Il documentario, basato sull’omonimo libro di Flavia Piccinni e Carmine Gazzanni, cerca di spiegare come quello di Avetrana rappresenti il caso di cronaca nera che più di ogni altro ha canalizzato l’attenzione mediatica, creando un vero e proprio circo per il quale non interessava più la ricerca della verità, bensì sviscerare tutti gli aspetti più morbosi.

Dopo anni di complesse indagini e tentativi di depistaggio, ad essere ritenute responsabili dell’assassinio della giovane furono la zia Cosima Serrano e sua figlia Sabrina Misseri, condannate all’ergastolo. Sarah. La ragazza di Avetrana sarà quindi anche una riflessione sui dubbi che ancora permangono. Nonostante le sentenze abbiano messo un punto sulla vicenda giudiziaria dell’omicidio di Sarah, qualcuno sta ancora lottando per affermare un’altra verità. Come Franco Coppi, avvocato di Sabrina Misseri, che ha fatto ricorso alla Corte europea dei diritti dell’uomo.

Approfondimenti