Sky scopre le carte, venderà pay tv, banda larga e telefono fisso

0
384

Dopo le indiscrezioni di queste settimane, Sky Italia scopre le carte. E lo fa con l’avallo dell’Agcom. Da metà del 2019, oltre alla pay tv venderà anche il collegamento al web e la linea fissa per il telefono. Lo spiega stamane su la Repubblica, Aldo Fontanarosa. “Ora Sky Italia ha le carte in regola per vendere – insieme ai suoi contenuti televisivi tipo calcio, film e fiction – anche abbonamenti alla rete Internet. Come risulta dal registro pubblico in mano al Garante delle Comunicazioni (il registro Roc), adesso Sky Italia è autorizzata ad allacciare connessioni web al pari di Telecom, Vodafone o Wind Tre, forte del suo status di ‘fornitore di servizi di comunicazione elettronica’. Andrea Zappia, amministratore delegato uscente di Sky Italia, consegnerà al suo successore il piano di sbarco nel mercato delle telecomunicazioni. Piano che ipotizza la prima offerta commerciale a metà 2019”. “Il Garante potrebbe chiedere a Sky Italia di offrire connessioni web più contenuti tv anche con un decoder diversi dal proprio. Questo, in nome della ‘neutralità tecnologica’ imposta prima dall’Ue e poi dalla delibera 348 del Garante”.

L’ALLEANZA CON OPER FIBER – A spiegare infine come si sta muovendo il partner tecnologico di Sky Italia è stamane Italia Oggi. Gianfranco Ferroni, infatti, ha intervistato Simone Bonannini, direttore marketing e commerciale di Open Fiber, società che sta facendo una scommessa da 6,5 mld d’investimenti in Italia. “Un piano ambizioso, che mira a portare la fibra ottica a banda ultra larga in tutte le maggiori città italiane, nonché il collegamento delle aree industriali, con ‘l’obiettivo di realizzare una rete quanto più diffusa ed efficiente possibile’. Come player infrastrutturale, Open Fiber si occupa della realizzazione, gestione e manutenzione della rete in fibra ottica con la tecnologia Fiber to the Home (Ftth), definita come l’unica in grado di garantire una connessione ultra veloce con livelli di efficienza e affidabilità elevatissimi. ‘Sarà una banda ultrarock’, dice Bonannini. Il “maxi-piano punta a cablare 271 città italiane e a portare le reti di nuova generazione nelle aeree bianche italiane quelle più periferiche, e anche in qualità di ‘best practice’ nazionale”. Nel frattempo l’offerta è già arrivata in 60 città.