Striscia la Notizia: le inchieste del Tg satirico protagoniste in vigilanza Rai

0
242
Pinuccio durante la rubrica Raiscoglio24 su Striscia la Notizia - Foto da ufficio stampa Mediaset

Stasera a Striscia la notizia (Canale 5, ore 20.35) torna la rubrica di Pinuccio “Rai Scoglio 24”, citatissima nel corso dell’ultima commissione di Vigilanza Rai (12 ottobre).

A cominciare dall’inchiesta del tg satirico sulla fiction dedicata all’ex sindaco di Riace, Mimmo Lucano, costata 1,6 milioni di euro e mai trasmessa, che ha spinto Federico Mollicone, membro della Vigilanza, a chiedere una risposta su tale spreco di denaro pubblico all’amministratore delegato Carlo Fuortes. Che si è smarcato: «È di una gestione precedente, quindi non ne può rispondere l’ad».

Rivelazioni anche sul caso delle accuse di censura del rapper Fedez al Concertone del Primo Maggio. Fuortes ha confermato: “Non è esatto che la Rai abbia ritirato una querela. La querela la Rai non l’ha mai fatta”.

E per finire, Massimiliano Capitanio chiede conto all’ad Rai degli sprechi nelle sedi estere: “Dopo le inchieste di Striscia abbiamo sollevato più volte il problema della gestione delle sedi estere, che non riguarda solo i costi dei singoli corrispondenti, ma anche la gestione del patrimonio immobiliare all’estero. Volevamo capire se, a differenza del suo predecessore, favorirà un’operazione di maggior trasparenza sugli studi fatti in Rai per segnalare un’eventuale disfunzione nella gestione delle sedi estere”. Nessuna risposta pervenuta.

Approfondimenti