Taormina Film Fest, la nuova edizione è all’insegna della varietà di generi e stili

0
312
Occhi Blu_Valeria Golino. Simona Pampallona

Dal 27 giugno al 3 luglio andrà in scena la 67º edizione del prestigioso Taormina Film Fest, ospitato come di consueto nella splendida cornice del Teatro Antico. Già dalla presentazione delle pellicole che saranno protagoniste della manifestazione, balza all’occhio la grande varietà di generi cinematografici, linguaggi e stili rappresentati, passando dalla dark comedy al drama, dal family all’horror e dall’animazione all’arthouse. A partecipare in concorso saranno sei opere prime e seconde, sintomo della volontà di dare grande spazio ai registi emergenti, se non esordienti.

Edizione che vedrà una folta rappresentanza femminile, con una giuria composta da 3 donne su 5, ovvero la regista Susanna Nicchiarelli (in qualità di presidente), la montatrice Francesca Calvelli e l’attrice francese Lolita Chammah, alle quali si affiancano l’attore israeliano Saleh Bakri e lo sceneggiatore Nicola Guaglianone. Per mettere in luce la troppo spesso sottovaluta professionalità delle donne del cinema ci sarà un apposito spazio di confronto tra le diverse professionalità, allo scopo di dare voce al talento che va in scena, ma soprattutto alle artiste “invisibili” che lavorano lontano dai riflettori. La già citata differenziazione di generi invece, si sostanzia con la scelta di film anche molto distanti tra loro, capaci perciò di attrarre diversi tipi di pubblico. Si va ad esempio dalla commedia road movie Boys di Davide Ferrario all’inquietante distopia de La Terra dei figli di Claudio Cupellini, oppure dall’intimismo di Atlas di Niccolò Castelli all’innovativo horror A Classic Horror Story di Roberto De Feo e Paolo Strippoli, che segna il debutto di Netflix a Taormina.

Spazio anche per diverse pellicole internazionali ed allo stesso tempo per opere ed appuntamenti fortemente legati al territorio siculo. Tra questi l’incontro con Giuseppe Tornatore a margine della proiezione del suo documentario Lo schermo a tre punte, così come la proiezione del documentario Sulle tracce di Goethe in Sicilia, nel quale il regista tedesco Peter Stein ripercorre dopo duecentotrent’anni le tracce del celebre Viaggio in Sicilia di Wolfgang Goethe, alla ricerca delle origini classiche della cultura europea. Poi, in occasione del centenario della nascita di Leonardo Sciascia andrà in scena la mostra Cinema e Legalità, durante la quale sarà presentato il libro Sciascia e il cinema, conversazioni con Fabrizio di Fabrizio Catalano, nipote del grande scrittore siciliano. Altro anniversario importante quello dei vent’anni dall’uscita de Le Fati Ignoranti di Ferzan Özpetek, ricorrenza che il regista celebrerà incontrando il pubblico di Taormina. Oltre a Tornatore e Sciascia, un’altra eccellenza italiana come l’astronauta Luca Parmitano sarà protagonista di un documentario, Space Beyond, che sarà proiettato in apertura di manifestazione.

Un’edizione che sarà quindi ricca di eventi, con le 13 anteprime dei film in selezione ufficiale ad alternarsi agli incontri con i protagonisti, le mostre ed i panel.Una proposta ampia che rende ancor di più Taormina luogo di grande rilevanza culturale ed artistica. “Il Taormina Film Fest presenta un programma di grande qualità e ci fa guardare al futuro con entusiasmo e ottimismo, perché dimostra che ci può essere un’offerta culturale compatibile con l’esigenza di massima cautela” commenta il Ministro della Cultura Dario Franceschini, “la portata degli interventi contenuti nel Recovery e quanto fatto in questo anno confermano che c’è una scelta dello Stato sul cinema come politica industriale: non è più solo un tema legato alle politiche culturali, c’è ormai la convinzione che investire in questo settore dia un contributo centrale alla crescita e alla ripartenza economica del Paese”.

Questa la selezione ufficiale dei film:

IN CONCORSO

A Classic Horror Story  di Roberto De Feo e Paolo Strippoli

Atlas di Niccolò Castelli

Fractal di Rezvan Pakpour

Honeymood di Talya Lavie

Next Door di Daniel Brühl

Long Day (Man Chang De Yi Tian) di Yumo Luo

 

FUORI CONCORSO

 

Boys di Davide Ferrario

La Terra dei figli di Claudio Cupellini

Occhi Blu di Michela Cescon

La signora delle rose (La Fine Fleur) di Pierre Pinaud

Peter Rabbit 2 – Un birbante in fuga (Peter Rabbit 2: The Runaway) di Will Gluck

 

PROIEZIONE SPECIALE       

 

Summer of Soul di Questlove

 

FILM IN NUOVA EDIZIONE DIGITALE 

 

Bronte: cronaca di un massacro che i libri di storia non hanno raccontato di Florestano Vancini

FILM CINEMA E SICILIA

 

Lo schermo a tre punte  di Giuseppe Tornatore

 

 

 

 

 

 

Approfondimenti