Televendite: Mediaset dice stop alle telefonate

0
657

C’era un tempo in cui se volevi acquistare qualcosa e volevi startene comodamente a casa alzavi la cornetta del telefono e chiamavi le Televendite. E c’era un tempo un cui televendite volevano dire soprattutto Mediaset, con alcuni volti noti del piccolo schermo riconvertiti a tempo pieno a questa attività e pronti a ripetere: “Soddisfatti o rimborsati”. Ecco, quel tempo ormai è il Medioevo. Ora l’uomo più ricco del mondo è un certo Jeff Bezos, il fondatore di Amazon, con un patrimonio stimato di oltre 200 miliardi di dollari. E se vuoi acquistare qualcosa e vuoi startene comodamente a casa, di solito fai un click su un device e il giorno dopo ti suonano al citofono per la consegna. Il messaggio è arrivato forte e chiaro anche in casa Mediaset, e a Cologno hanno evidentemente deciso di correre ai ripari.

Secondo quanto risulta a Radiocor, infatti, il gruppo televisivo ha completato la cessione di Mediashopping srl, società che era stata scorporata a fine estate proprio in vista del processo di dismissione di un’attività ritenuta non core: da domenica il business delle televendite (ma anche di e-commerce) è di proprietà di una cordata capitanata da Ortigia Investimenti ed è guidata da Marco Rosini, ex direttore commerciale di Mediaset Premium ed ex manager di Mediaset. Questo non vuol dire che Mediaset non ospiterà più televendite. E per i telespettatori interessati all’acquisto non cambia praticamente nulla. L’unica differenza è che il business (comunque in leggero utile anche nel 2019) non è più del “Biscione” e che i canali Mediaset – se i nuovi acquirenti, e sembra proprio così, troveranno l’accordo con Publitalia – rimarranno semplicemente uno dei bouquet televisivi in cui continueranno ad essere ospitate.

Approfondimenti