The Covid dilemma. La campagna choc di Regione Lombardia per responsabilizzare i cittadini

0
242

Indossare la mascherina o indossare il respiratore? Questa, insieme ad altre quattro domande molto dirette, compariranno nei prossimi giorni sul web, in tv e sui cartelloni pubblicitari lombardi per sensibilizzare i cittadini sul “Covid dilemma”. La campagna di comunicazione è opera della Regione Lombardia che ha scelto un claim di forte impatto per responsabilizzare la popolazione sulle azioni di prevenzione contro la pandemia da Coronavirus.

Oltre alla scelta tra mascherina e respiratore, le altre domande “choc” saranno: “Lavarsi spesso le mani o lavarsene le mani?”, “Essere negativi o negazionisti?”, “Fermare il virus o fermare il sistema sanitario?” e infine “Evitare i luoghi affollati o affollare le terapie intensive?”. Tutti interrogativi che portano ad una sola conclusione, sempre la stessa: “La scelta è tua, ma le conseguenze riguardano tutti noi. Aiutaci a contenere la diffusione del Coronavirus, prima che sia troppo tardi”.

La campagna pubblicitaria ha già suscitato reazioni contrapposte. In molti sui social hanno bocciato il messaggio di Regione Lombardia definendolo “terroristico” e volto a “colpevolizzare i cittadini”. Altri sottolineano l’incapacità di gestire la pandemia da parte delle istituzioni che scaricano tutte le responsabilità sulla popolazione. Altri, seppur in minoranza, apprezzano il linguaggio diretto della campagna.

Da parte sua la Regione risponde alle critiche parlando di un messaggio “dai toni diretti ma non accusatori” rivolta a “tutti i cittadini lombardi: gli studenti, gli anziani, i bambini e gli adulti, chiamati singolarmente alla tutela della salute pubblica attraverso un atto di responsabilità, nella consapevolezza che in questo momento l’agire individuale interessa un’intera collettività”.

Approfondimenti