“The last Blockbuster”, Netflix fa un tuffo nell’era pre-streaming

0
114
Foto di InspiredImages da Pixabay

The last Blockbuster. Si intitola così il docu-film Netflix (ironia della sorte) che racconta la storia dell’ultimo negozio al mondo dell’ex impero del videonoleggio Blockbuster. Uscito lo scorso 15 marzo solamente negli Stati Uniti, dovrebbe arrivare a breve anche nel catalogo Netflix  italiano. Al centro della scena c’è l’attività gestita da Sandra Gene Harding e famiglia nella piccola cittadina rurale statunitense di Bend, in Oregon. Come detto, il suddetto negozio è l’unico superstite della celebre catena di videonoleggio che ha segnato un’epoca (a cavallo tra gli anni ’80 e i 2000) prima di venire fagocitata dall’ascesa delle piattaforme streaming e scomparire così in maniera piuttosto rapida.

Il colosso Blockbuster vide la luce nella prima metà dei floridi anni ’80 per mano dell’imprenditore David Cook, il quale fiutò il momento propizio per il mercato del noleggio video e decise quindi di investire nella creazione di una propria azienda. Il primo negozio venne aperto nell’ottobre del 1985 a Dallas, seguito negli anni successivi da una lunghissima serie di esercizi sparsi in tutto il mondo, arrivando, nel 2004, a superare i 9000 negozi e gli 84.000 impiegati. Il meccanismo era semplice ma allo stesso tempo attraente. Il cliente poteva girare liberamente tra gli scaffali stracolmi di VHS e/o DVD dei film del momento (e del passato) e scegliere quello che preferiva per poterlo poi noleggiare e  guardare comodamente sul divano di casa, riconsegnandolo alcuni giorni dopo.

Un tipo di fruizione che è stato, in un certo senso, il precursore proprio delle piattaforme di contenuti streaming, sulle quali oggi circolano migliaia di film, serie tv e documentari disponibili alla visione in maniera immediata. E proprio l’entrata in campo di tali servizi online ha decretato l’inesorabile declino del settore del videonoleggio fisico, tanto che l’attività della signora Harding è diventata il simbolo di un’epoca ormai conclusa. I prezzi decisamente contenuti e la possibilità di guardare un film con un solo click, hanno sorpassato il “rito” della visita al negozio, magari in compagnia, e il divertimento della scelta del DVD perfetto.

Approfondimenti