Tokyo 2020: estate a cinque cerchi su Rai2, la Rete (in chiaro) delle Olimpiadi

0
653
Tokyo 2020. Foto da ufficio stampa Rai

Non ci sarà il pubblico, non ci saranno parecchi sponsor, ma la Rai sarà in prima fila per raccontare le Olimpiadi di Tokyo 2020. Archiviate le fatiche degli Europei di Calcio su Rai1, è tempo di scendere in campo per Rai2, già ribattezzata Rete Olimpica dal dal 23 luglio all’8 agosto 2021. La spedizione di RaiSport ha raggiunto il Giappone. E forse – come richiesto dal Cdr – riuscirà ad avere anche un medico italiano pronto ad aggregarsi al “plotone” composto – a quanto apprende AdgInforma.itda 227 persone. Tra questi, 45 tra giornalisti e telecineoperatori; poi ci sono 11 opinionisti. Il “Team leader” sarà il direttore di RaiSport Auro Bulbarelli, che ha dovuto fronteggiare anche le defezioni dell’ultima ora dovute al covid. Il caporedattore Riccardo Pescante sarà invece il “leader” delle Paralimpiadi (inizieranno il 24 agosto e proseguiranno fino al 5 settembre). Qui la spedizioni di RaiSport annovera una spedizione di 22 persone di cui 16 giornalisti. Rai2 racconterà, insieme a Radio1, ogni risultato, ogni impresa, ogni podio azzurro. Un’alternanza di eventi live, differite, repliche, high-lights, TG Olimpici, commenti, interviste. Il tutto condito da rubriche dedicate e approfondimenti.

MICROFONO A SECONDINI, VOLPI E DE STEFANO – La programmazione televisiva comincerà a mezzanotte e mezza, con “Go Tokyo”, l’agenda della giornata olimpica, che Arianna Secondini, quando in Giappone saranno le 7.30 del mattino, proporrà ai telespettatori ogni sera, dal 24 luglio in poi (il 23 la Cerimonia di Apertura andrà in onda dalle 13.00 alle 16.30). Un appuntamento carico di notizie, tra studio e siti olimpici, per presentare la giornata che di lì a poco comincerà con le gare del mattino, fascia oraria generalmente dedicata alle batterie e/o a i tornei di qualificazione delle varie specialità (come da tradizione la prima settimana sarà appannaggio del nuoto, la seconda dell’atletica, per citare le due discipline “regine” del programma a cinque cerchi). Dall’1.30 alle 17.15, con le sole interruzioni per l’informazione del Tg2, si snoderà un lungo racconto, punteggiato dalle varie edizioni del Tg Olimpico, che a intervalli regolari fornirà aggiornamenti in tempo reale, notizie e curiosità. Alle 17.15, quando in Giappone sarà appena passata la mezzanotte, ecco “Tokyo best of”, lo spazio per la rivisitazione della giornata olimpica appena trascorsa, con Jacopo Volpi, Julio Velasco e Fiona May: tre ore e un quarto intense, tra sintesi delle gare, interviste e commenti. Dopo il Tg2, e, dal lunedì al venerdì, dopo l’approfondimento serale “Tg2 Post”, arriva “Il Circolo degli Anelli”, con Alessandra De Stefano che avrà accanto a sé, negli studi Rai di Milano, due compagni di viaggio che di trionfi olimpici se ne intendono: Sara Simeoni, oro nel salto in alto a Mosca, nel 1980, e Jury Chechi, che nel 1996, ad Atlanta, imponendosi agli anelli, riportò la ginnastica italiana sul gradino olimpico più alto. Infine, per chiudere la giornata, prima di iniziarne un’altra, “Record”, in onda dalle 23.45 a mezzanotte e mezza: nato dalla collaborazione tra RaiSport e la Direzione Nuovi Formati, racconterà gli atleti e le loro imprese di ieri e di oggi in maniera innovativa, con lo storytelling affiancato dalla motion graphic, e il racconto per immagini come linea editoriale. Immagini, grafica e realtà aumentata, e tre narratori sportivi – Maurizio Ruggeri, Andrea Fusco e Nadia Baia, atleta paralimpica e ambasciatrice del sitting volley – metteranno a confronto campioni e gare di epoche diverse, le leggende di ieri e nuovi sport olimpici.

ALLA RADIO LE MEDAGLIE “MINUTO PER MINUTO” – La programmazione radiofonica, invece, con il caporedattore Filippo Corsini team leader della spedizione, sarà concentrata su Radio1 (e in simulcast sul canale Dab Radio1 Sport) che sarà il canale all news olimpico per l’intero periodo dei giochi, con l’obiettivo di offrire alla platea radiofonica il racconto delle medaglie “minuto per minuto”, come avvenuto per il Giro d’Italia, per Euro2020 e per il Tour de France. Dalle 3 del mattino (le 10 di Tokyo) fino alle 16 (le 23.00 in Giappone), Radio1 sarà “Radio1 in campo”, con il racconto olimpico che verrà originato dall’IBC di Tokyo e dalle numerose postazioni di gara, garantendo un’informazione continua per tutta la giornata. Oltre alle radiocronache in diretta delle gare, “Tutte le Olimpiadi minuto per minuto”, gli inviati forniranno contributi e servizi per tutte le edizioni dei Giornali Radio (Gr1, Gr2 e Gr3), con attenzione, oltre che ai temi sportivi, agli aspetti di cronaca e costume legati alle Olimpiadi giapponesi, offrendo così all’ascoltatore un’informazione privilegiata dell’intero svolgimento della manifestazione. Radio1, infine, sarà presente anche a Casa Italia, il quartier generale del CONI, da dove arriveranno le voci degli atleti e di tutti i protagonisti dei Giochi.

NIENTE STREAMING – La Rai ha comprato da Discovery 200 ore di dirette in chiaro (e repliche a piacimento) delle Olimpiadi di Tokyo. Ha rinunciato invece allo streaming (una scelta dell’allora dg Mario Orfeo che non volle aggiungere 17 milioni all’assegno) che col senno di poi avrebbe fatto parecchio comodo a RaiPlay guardando anche al fuso orario. Di quello si occuperà Discovery+ (con i canali Eurosport).

Approfondimenti