Transizione energetica, lavoro, salute e non solo. Al Festival del Futuro di Verona si guarda ai temi del domani

0
136

Dal 18 al 20 novembre andrà in scena a Verona il Festival del Futuro 2021, appuntamento dedicato alle tematiche fondamentali del mondo di domani. Salute, cibo, transizione ecologica, nuove frontiere del lavoro e space economy sono solamente alcuni degli argomenti sui quali si confronteranno studiosi, docenti, politici e dirigenti d’azienda, che daranno vita ai numerosi dibattiti in scena presso il centro Congressi di Veronafiere.  Tra gli ospiti anche il ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani ed il Ministro delle infrastrutture Enrico Giovannini.

L’iniziativa, promossa da Gruppo editoriale Athesis, Eccellenze d’Impresa ed Harvard Business Review Italia, è declinata quest’anno attraverso il macrotema “La grande transizione: dal new normal al never normal”, ispirato dalla pubblicazione Macrotends di Harvard Business Review Italia, che raccoglie saggi ed analisi di esperti mondiali sull’andamento e le prospettive dei temi più importanti per il futuro. “Analizzare i trend è importante per affrontare il futuro, anche se non si può essere mai pronti al 100% ma si possono avere gli strumenti per capire e guidare il futuro invece che subirlo o addirittura temerlo” , spiega al proposito l’economista Enrico Sassoon, direttore scientifico del Festival. Si concentra invece sulla valorizzazione del territorio veronese il commento di Matteo Montan, Amministratore delegato del Gruppo Athesis: “Con il Festival del Futuro vogliamo dare un ulteriore impulso al forte legame che abbiamo con la comunità. Il dibattito che si sviluppa con il Festival è anche un’occasione per dare voce e visibilità più ampia alle eccellenze del nostro territorio”.