Tv e minori, Italia a rischio procedura di infrazione dall’Europa

0
119

 

bimbi e tvL`Italia a rischio infrazione da parte della Commissione europea per le lacune del decreto Romani in materia di protezione dei minori in televisione. Alcune disposizioni del decreto, infatti, contrastano con il divieto assoluto alla trasmissione di programmi gravemente nocivi per i minori di 14 anni sancito dalla direttiva di Bruxelles sui media audiovisivi. A rendere noto il rischio della procedura d’infrazione è Franco Mugerli presidente del Comitato media e minori intervenuto alla “Giornata nazionale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza” promossa a palazzo Montecitorio dalla Commissione parlamentare per l’infanzia e l’adolescenza. In una lettera inviata nell’ottobre scorso al Governo italiano la Commissione europea ha avvertito di “rifiutare le risposte delle autorità italiane alle quali potrebbero seguire procedure d’infrazione”. Nel documento della Commissione si stigmatizzano anche le delibere dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni del luglio scorso contestate dal Comitato media e minori per aver legittimato la trasmissione di film vietati ai minori di 14 anni in orario di televisione per tutti purché con l’utilizzo di parental control, al contrario non consentita dal Decreto Romani, e per aver ulteriormente allargato l’accesso alle trasmissioni gravemente nocive in televisione.