Ventennale 11 settembre 2001. Franco Di Mare (Rai3) vola a New York

0
577
Franco Di Mare, Frontiere. Foto ufficio stampa Rai

Il ventennale dell’11 settembre 2001, giorno del terribile attentato alle torri gemelle di New York, è ormai alle porte. E i recenti sviluppi in Afghanistan – conditi dall’allerta di potenziali minacce terroristiche in molti Paesi dell’Occidente – hanno fatto drizzare le antenne al mondo dei media. Il ventennale, insomma, merita “Speciali” e anche, se possibile, “Inchieste”. E la Rai – a quanto apprende AdgInforma – risponderà presente. Rai1 alzerà il sipario in prima serata sull’evento, con un lungo speciale in onda sabato 11 settembre. Al microfono Monica Maggioni, che in diretta dall’hangar Bicocca di Milano, nel contesto dell’installazione di Maurizio Cattelan, presenterà il documentario di BBC “Le due ore che cambiarono il mondo” a cura di Rai Documentari e interloquirà con ospiti italiani e internazionali. La Maggioni, poi, dal 13 settembre tornerà su Rai1 la nuova lunga stagione di Settestorie, in onda il lunedì in seconda serata. Per questo speciale sembra si affiderà in particolare ad uno dei tre corrispondenti a New York: Claudio Pagliara. Ma in quei giorni anche Antonio Di Bella e Dario Laruffa – gli altri due corrispondenti Rai nella Grande Mela – avranno da lavorare per le altre Reti Rai. Anche perché l’indicazione partita da Viale Mazzini alle Testate giornalistiche è quella di utilizzare al meglio e il più possibile i corrispondenti. Limando al massimo l’utilizzo degli inviati. Insomma, un altro tentativo – dopo quello abortito con i vaticanisti – di contenere le spese in trasferta dell’informazione Rai.

Monica Maggioni con logo sette storie. Foto ufficio stampa Rai

C’ERA UNA VOLTA L’AMERICA – Un’indicazione – quella del settimo piano – che sembra non abbia riguardato anche le Reti. Si racconta, infatti, che il direttore di Rai3, Franco Di Mare, sia partito alla volta di New York per uno “Speciale Frontiere” 11 settembre: “C’era una Volta…l’America” che andrà in onda per 85 minuti proprio in quel sabato pomeriggio. Una trasmissione per la regia di Claudio Giusti che promette un’inchiesta.

Approfondimenti