Von der Leyen a Kiev parla di nuove sanzioni alla Russia e del processo di adesione dell’Ucraina all’Unione Europea

0
von der leyen zelensky

Sono qui per discutere del percorso di adesione dell’Ucraina all’UE“, ha scritto la von der Leyen su X, precedentemente Twitter, pubblicando una foto di Zelensky che la accoglie all’arrivo alla stazione ferroviaria di Kiev.

Ha aggiunto che discuteranno anche del “supporto finanziario dell’UE per ricostruire l’Ucraina come una democrazia moderna e prospera“. Le discussioni includeranno anche “come continueremo a far pagare alla Russia la sua guerra di aggressione“, ha aggiunto von der Leyen. La visita giunge in un momento di preoccupazione che il sostegno all’Ucraina possa diminuire mentre le turbolenze in Medio Oriente attirano molta dell’attenzione globale. Von der Leyen ha dichiarato che il suo viaggio era stato pianificato da “molto tempo” e che era una visita da fare prima di presentare un dossier sull’allargamento dell’UE l’8 novembre.

Adesione all’UE dell’Ucraina: “Eccellenti progressi”, ma sono necessari ulteriori miglioramenti

Oggi la Commissione deve presentare un report sullo stato di avanzamento dell’Ucraina, della Moldova e della Georgia e decidere se aprire o meno negoziati di adesione prima del vertice dell’UE-27 il 14 e 15 dicembre. L’allargamento sarà al centro del meeting di Bruxelles. L’Ucraina è ufficialmente un paese candidato dal giugno 2022. È necessario un accordo unanime dei 27 Stati membri dell’UE per avviare i negoziati di adesione.

Per ottenere un voto positivo, il paese deve aver soddisfatto sette requisiti, tra cui la riforma della procedura di selezione dei giudici costituzionali ucraini e una lotta più forte contro la corruzione, in particolare ai livelli più alti. “Devo dire che avete fatto eccellenti progressi. È impressionante vedere il lavoro fatto“, ha detto von der Leyen dopo un incontro con Zelensky. “State combattendo una guerra esistenziale e, allo stesso tempo, state riformando profondamente il vostro paese. Avete raggiunto molti traguardi: la riforma del vostro sistema di giustizia, limitando l’influenza degli oligarchi, affrontando il riciclaggio di denaro e molto altro ancora.

Von der Leyen ha affermato che l’Ucraina ha realizzato “più del 90%” delle riforme richieste, ma ha ricordato che deve ancora apportare modifiche alla legge sulle minoranze per garantire diritti come l’istruzione nella propria lingua per le minoranze etniche. La presidente della Commissione ha anche menzionato che tra le questioni in sospeso ci sono il rafforzamento della trasparenza delle dichiarazioni patrimoniali dei politici e la lotta contro la corruzione, oltre all’approvazione di una legge sulle attività di lobbying. Secondo una dichiarazione dell’ufficio presidenziale ucraino, sono già stati registrati disegni di legge nella Verkhovna Rada, il parlamento ucraino, per migliorare il funzionamento dell’Ufficio del procuratore anticorruzione, ridurre l’influenza degli oligarchi e migliorare la trasparenza delle istituzioni statali.

Nella conferenza stampa con von der Leyen, Zelensky ha espresso fiducia nelle possibilità dell’Ucraina di presentarsi completamente preparata all’esame finale e ha sottolineato l’effetto motivante che un “sì” da parte di tutti gli Stati membri avrebbe sulla società ucraina e sui soldati che combattono in prima linea “per i valori dell’UE”.

UE-Russia: nuove sanzioni, pacchetto di aiuti per l’Ucraina

Indipendentemente dai possibili traguardi politici, sia Zelensky che von der Leyen hanno chiesto un sostegno costante per aiutare l’Ucraina a rispondere all’aggressione russa. Attualmente, l’UE sta studiando una nuova serie di sanzioni contro la Russia e un pacchetto di aiuti a lungo termine per sostenere l’Ucraina. L’UE ha già contribuito con 83 miliardi di euro in assistenza finanziaria. La presidente della Commissione ha anticipato che ulteriori 3 miliardi di euro saranno disponibili entro la fine dell’anno. Ha anche dichiarato che saranno necessari ancora più fondi, facendo riferimento a ulteriori 50 miliardi di euro da un piano aggiuntivo fino al 2027 sostenuto da quasi tutti e 27 i paesi dell’UE, con solo Ungheria e Slovacchia che continuano ad esitare.

Von der Leyen ha annunciato sabato che l’Unione europea adotterà nuove sanzioni economiche contro la Russia, incluse misure contro le aziende di paesi non appartenenti all’UE che eludono le sanzioni. Per troppo tempo, molti in Europa avevano pensato fosse possibile commerciare con la Russia e integrare il paese nell’ordine di sicurezza europeo, ha detto la presidente della Commissione Europea durante un discorso al parlamento ucraino. Questo nuovo pacchetto, il dodicesimo approvato dall’UE dall’inizio della guerra, potrebbe includere sanzioni contro i propagandisti russi e contro le figure coinvolte nella deportazione di massa di minori ucraini.

Un’altra novità, secondo von der Leyen, potrebbe essere l’introduzione di “nuovi divieti di importazione ed esportazione” da e verso la Russia e “azioni per regolare il limite sul prezzo del gas“, adottato quasi un anno fa per negare al Cremlino risorse con cui finanziare l’aggressione contro l’Ucraina. Diversi funzionari di alto livello dell’UE hanno riferito la scorsa settimana che ci sono progetti per limitare il commercio di diamanti russi. Inoltre, è in discussione un divieto di importazione per i cosiddetti beni a doppio uso, materiali che possono essere utilizzati sia a scopo civile che militare. Ciò potrebbe includere un divieto di importazione sull’alluminio e restrizioni alle esportazioni di altri beni. Gli ucraini hanno a volte scoperto microchip in missili russi che sono normalmente installati nei frigoriferi.

Numerose misure punitive sono da tempo in vigore contro la Russia a causa della sua guerra contro l’Ucraina. Queste includono un ampio divieto di importazione di petrolio greggio, carbone, acciaio, oro e beni di lusso, oltre a sanzioni contro banche e istituti finanziari. Zelensky ha nuovamente chiesto che il nuovo pacchetto serva a impedire la violazione delle sanzioni finora approvate.

Ucraina-Russia: Nessun punto morto, nessuna pressione

Il presidente ucraino ha negato sabato che l’controffensiva dell’Ucraina contro le forze russe si sia arenata, mentre ore dopo Kiev ha dichiarato di aver colpito un cantiere navale nella Crimea annessa a Mosca. La vasta linea del fronte tra le due fazioni in guerra si è appena spostata in quasi un anno, con un alto funzionario ucraino che avverte questa settimana che il conflitto è in stallo. “È passato del tempo, la gente è stanca… Ma questo non è un punto morto”, ha detto Zelensky in una conferenza stampa a Kiev con la capo della Commissione UE Ursula von der Leyen.

Il leader ucraino ha anche negato che i paesi occidentali stiano esercitando pressioni su Kiev per avviare negoziati con la Russia, nonostante le segnalazioni secondo cui funzionari statunitensi ed europei avrebbero discusso di cosa potrebbero comportare tali colloqui. “Nessuno tra i nostri partner ci sta spingendo a sederci con la Russia, parlarle e darle qualcosa“, ha detto.