Nielsen, investimenti pubblicitari stabili nel primo trimestre 2018

Il mercato degli investimenti pubblicitari in Italia chiude marzo stabile a -0,2% (-2,9% senza search e social), portando il trimestre a +1%, rispetto allo stesso periodo del 2017. Ma escludendo dalla raccolta web la stima sul search e sul social l'andamento del trimestre registra un calo del -1,3%.

Continua il tracollo dei quotidiani, che a marzo perdono il -10,1%, consolidando il periodo cumulato gennaio-marzo a -9,3%. "Il cambio di marcia auspicato il mese scorso in vista della formazione di un nuovo Governo può dirsi ancora disatteso - ha spiegato Alberto Dal Sasso, Ais managing director di Nielsen -. Si prospetta una situazione generale poco favorevole a una ripresa convinta del mercato, dovuta all'incertezza politica tutt'altro che superata, ancora oggi a più di due mesi dalle elezioni".

Stesso andamento anche per la TV che perde nel singolo mese il -2,7% e chiude il trimestre a -0,6%, e per i periodici, sia nel singolo mese che per il trimestre, con cali rispettivamente del -10,8% e -11%. La radio continua l’andamento positivo e, grazie al +10% di marzo, porta a +7,1% l’incremento del periodo gennaio – marzo.

Per quanto riguarda i settori merceologici, se ne segnalano 9 in crescita, con un apporto di circa 38,6 milioni di euro. Per i primi comparti del mercato si registrano andamenti differenti. Alla buona performance di distribuzione (+2,2%), cura persona (+4,3%) e bevande (+8%), si contrappone il calo di alimentari (-0,9%), farmaceutici (-10%) e telecomunicazioni (-12,9%).

Tagged under Nielsen investimenti

Banner per mobile