Ascolti Tv: in 15 mln per Mattarella, 14 mln a mezzanotte con Amadeus

0
160

Prima di cominciare i festeggiamenti del Capodanno, gli italiani avevano una gran voglia di ascoltare le parole di Sergio Mattarella. Quasi 14 minuti – trasmessi da una decina di emittenti in contemporanea – che hanno fatto tremare le lancette dello share stabilendo il record di ascolti dal lontano 1986, anno di nascita dell’Auditel. In particolare hanno visto il presidente della Repubblica in 15.272.170 spettatori, con share del 64,95%. Circa 5 milioni in più rispetto allo scorso anno. E meglio anche delle ottime “performance” di Oscar Luigi Scalfaro nel 1993 (15.015.000 di audience) e Francesco Cossiga nel 1991 (14.829.000 di audience). Mattarella, dunque, all’inizio del suo ultimo anno al Quirinale, con il proprio discorso entra di diritto tra gli eventi tv della storia della televisione. Inutile sottolineare il ruolo determinante giocato dalla pandemia e dall’effetto lockdown.

IN 14 MILIONI A MEZZANOTTE SU RAI1 – Una zona rossa che ha fatto bene in generale a tutte, o quasi, le tv generaliste. E a stappare lo spumante Auditel è soprattutto l’ammiraglia Rai. “Con la media di 8 milioni e 200 mila spettatori e il 34% di share il Capodanno di Rai1 con ‘L’anno che verrà’ segna un record storico – dice il direttore di Rai1 Stefano Coletta -, raggiungendo il miglior risultato di sempre in termini assoluti ovvero nel numero di telespettatori. Per brindare al nuovo anno insieme ad Amadeus e a Gianni Morandi, con la partecipazione di tanti artisti del mondo musicale, a mezzanotte erano sintonizzati su Rai1 quasi 14 milioni di italiani”.

Approfondimenti