Ascolti Tv: volano Tg3 e Tgr; stabili Tg1, Tg5 e TgLa7; malino il Tg2

0
1031
Il direttore della Tgr Rai, Alessandro Casarin. Foto da Ufficio stampa Rai.

Qual è la salute della tv italiana? In quanti s’informano guardando un telegiornale ogni giorno? E come è cambiata la dieta mediatica negli ultimi cinque anni? A rispondere a queste domande sono anche alcune slide che attendono in Viale Mazzini i nuovi inquilini del settimo piano. In pratica una fotografia degli ascolti nel periodo gennaio-maggio 2021 confrontata con gli stessi cinque mesi degli anni precedenti, fino ad arrivare al 2017. Un lustro di cambiamenti, di piaceri per alcuni e dispiaceri per altri. Scopriamolo…

FESTEGGIANO CASARIN E ORFEO – Numeri Auditel davvero incoraggianti per il direttore del Tg3, Mario Orfeo, e per quello della Tgr, Alessandro Casarin. Il Tg3 (ore 14.20) è passato dal 10,8% del 2017 al 13%; l’edizione delle 19 va dal 10,2% al 12,8%. Ancora meglio il trend della Tgr: l’edizione delle 14 nel 2017 registrava in media il 15,6% ora si attesta al 18,8%; l’edizione delle 19.35 passa invece dall’11,6% al 14,8%. Piuttosto stabili gli ascolti delle “corazzate” Tg1 e Tg5. Il notiziario diretto da Giuseppe Carboni, edizione delle 13.30, passa dal 22,4% al 24,3%. Mentre l’edizione delle 20.00 scende dal 24,9% del 2017 al 24,3%. Stabile l’ascolto anche per Clemente J. Mimun: alle ore 13 nel 2017 faceva il 20,3%, oggi fa il 20,1%. Alle 20, invece, passa dal 19,2% del 2017 al 19,3%. Guadagna qualche spicciolo di share il notiziario di Enrico Mentana: alle 13.30 il TgLa7 passa dal 3,5% al 4%; alle 20 dal 5,2% al 5,5%.

SANGIULIANO SI LECCA LE FERITE – Non sono buoni, invece, i segnali per il direttore del Tg2 Gennaro Sangiuliano che come vedremo (AdgInforma.it farà un secondo capitolo sull’argomento) paga anche il difficile periodo della Rete che lo ospita in grossa crisi d’identità. Il Tg2 delle 13 nel 2017 (sempre periodo gennaio-maggio) registrava una media share del 15,6%, oggi si attesta al 13,2%. E anche in prima serata le cose non vanno bene: il notiziario delle 20.30 passa dal 7,7% del 2017 al 6,7% di oggi.

Approfondimenti