“Giornalista italiano”. Arriva la nona edizione del libro con tutte le risposte ai dubbi dei giornalisti

0
263
La copertina della nona edizione di Giornalista italiano

Ancora più domande, ancora più risposte utili per chi vuole svolgere la professione del giornalista. È uscita la nona edizione di “Giornalista italiano”, edito da “Istimedia edizioni”, il nuovo marchio delle edizioni del Centro di Documentazione giornalistica, e scritto a sei mani da Carlo Guglielmo Izzo, Adriano Izzo e Fabio Ranucci. “Un traguardo importante – scrivono gli autori nella prefazione – che dimostra la longevità di un progetto il cui unico, e tutt’altro che semplice, scopo è quello di conferire al lettore un sapere immediato e di facile consultazione, che lo aiuti a districarsi con agilità tra i complessi meandri del diritto e dell’informazione caratterizzati, l’uno, da un susseguirsi costante e copioso di norme non sempre di facile lettura e comprensione, l’altra, da un’impressionante e inarrestabile influenza del mondo di internet e delle nuove tecnologie”.

Il testo, nella ormai consueta formula delle domande e risposte (oltre 1000), chiarisce nozioni, regole, leggi che chi fa il giornalista non deve, e non può più, ignorare. Soprattutto in un periodo storico come quello che stiamo vivendo, segnato ancora dall’emergenza pandemica, in cui l’informazione e la comunicazione sono accessibili a tutti, diventa essenziale acquisire nuove conoscenze in modo rapido e completo così come, di pari passo, aumenta il bisogno di professionalità di chi in questo settore è chiamato ad operare.

La nuova edizione di Giornalista italiano, esattamente come succede al giornalismo, allarga i confini del proprio campo d’azione a fronte delle costanti modifiche del quadro normativo di riferimento e delle innovazioni determinate dai social network.

È grazie al costante aggiornamento e al suo rimanere al passo con i tempi che Giornalista italiano resta il libro più venduto del Centro di documentazione giornalistica. Un testo, ideato soprattutto per gli aspiranti giornalisti, ma che non può mancare nel primo cassetto di ogni buon redattore, anche il più esperto.

Approfondimenti